dicembre 18, 2016

VIRTUALIZATION

Le nuove tecnologie permettono la virtualizzazione dei server e dei tradizionali Personal Computer.
Per cui dovremo iniziare a considerare l’esistenza di server fisici e virtuali.
Il server fisico è quello che effettivamente acquistiamo, che si “vede”… Il “ferro” in pratica.

Su queste apparecchiature si possono attivare i server “virtuali”, e di fatto non esistono limiti al numero di server “virtuali” attivabili su un server “fisico”.

Il server “Virtuale” è un sistema operativo che assolve ad alcune funzioni / servizi agli utenti.
All’interno di una rete aziendale è possibile riscontrare la necessità di uno o più server dati (DataBase), di un server Web, e/o di svariati server per applicazioni.
Ognuno di questi deve/può avere necessità/caratteristiche diverse,
con la virtualizzazione è tutto più facile.

Devo dare maggior accessibilità al server Web?
Devo fornire più potenza elaborativa all’Application Server?
Devo fornire più memoria (Ram) al server Dati?
Devo attendere la nuova versione del gestionale per far si che esso venga supportato dalla nuova versione Windows server, mentre per contro devo attivare la nuova versione del sistema sul server Web?

Dalla console di gestione renderò disponibile una scheda di rete in più al server Web,
renderò disponibili più core (processori) all’Application Server,
renderò disponibili alcuni Gb di Ram al server dati.
Aggiornerò i sistemi del solo server Web.

Di certo se le risorse non sono disponibili “fisicamente” dovrò rimuoverle ad altri server virtuali, oppure fisicamente aggiungerle al “ferro”.

Oltre ai server, posso virtualizzare un numero infinito di Personal Computer ad ognuno dei quali assegnare dinamicamente le risorse necessarie.

In questo modo il PC non esiste più e per utilizzarlo

se sono in viaggio ,utilizzerò i miei dispositivi mobili (iPad compreso)
se sono a casa, il mio pc di casa
se sono in ufficio un semplice apparato (Thin Client) monitor e tastiera

e da ovunque accederò sempre alle stesse cose, se ho lasciato una sessione di Excel “aperta”, accedendo, da casa, al “Mio” Pc lo ritroverò esattamente come l’ho lasciato uscendo dall’ufficio.

Oltre a questo, non perderò i dati, non avrò preoccupazioni per i guasti e per i furti.
In ultimo, questo meraviglioso mondo ha dei costi non così diversi da quello tradizionale.

Indietro